Header Ads

http://www.riccardochiarionblog.blogspot.it

Review CD Quiet Stories - Punchland

 
ITALIAN TRANSLATION:

Arriverò subito al punto. L'ultimo sforzo di Riccardo Chiarion è un album di chitarra jazz quasi perfetto. Le sue esecuzioni, intrise di toni innevati di riverbero e acuti raffinati troppo belli per essere veri, sono i tipi di suoni che la maggior parte dei chitarristi sogna di creare. Il modo in cui interpreta è tremendamente fluido e dato che l'intero progetto è solo un uomo che suona il cuore, rende Quiet Stories molto più di una bellezza discreta.

Guarda il secondo brano dell'album, "Green", di seguito!

Definire la sua musica semplice jazz coffeeshop sarebbe un peccato, soprattutto considerando quanto sia burrascoso e originale il suo lavoro di chitarra in questo progetto. Una serie di curve di dieci secondi si trasforma in un sussulto e svolazzante scioglimento di note alte, slittamenti di corde e accordi dissonanti che persino Les Paul adorerebbe.

C'è classe, ingegno e un senso dinamico di incorporare il cuore e l'anima su Hidden Blues. Quando ho ascoltato per la prima volta l'album per tutto il tempo, sono stato trasportato in una terra di freddo, lunghe passeggiate e un meraviglioso senso di perdersi nella natura selvaggia del New England. Chiarion aveva intenzione di farmi pensare a queste immagini? Certo che no ... ma come tutti i grandi maestri del jazz prima di lui, amplifica la sua creatività, dandoci un senso del suo mondo artistico interiore affinché le nostre orecchie possano immergersi ed esplorare.

Guarda il video di Riccardo Chiarion in cui si espande sulla terza traccia di questo album, "Hidden Blues".

L'intero album vale più di un singolo ascolto e questo è senza dubbio il miglior album jazz che abbia ascoltato finora quest'anno. Non vedo l'ora di vedere cosa cucina dopo!

ORIGINAL VERSION:

I’ll get right to the point. Riccardo Chiarion’s latest effort is a near perfect jazz guitar album. His runs, doused in snowy tones of reverb and too-good-to-be-true refined treble, are the kinds of sounds that most guitarists dream of creating. The way he plays is tremendously fluid and since the entire project is just one man playing his heart out, it makes Quiet Stories so much more of an understated beauty.

Check out the second song on the album, “Green,” below!

To call his music simple coffeeshop jazz would be a sin, especially considering how buttery-smooth and original his guitar work on this project is. One chunk of ten second bends turns into a humming, fluttering meltdown of skittering high notes, e string slides, and dissonant chords even Les Paul would love.

There’s class, wit, and a dynamic sense of incorporating heart and soul on Hidden Blues. When I first listened to the album all the way through, I was transported to a land of cold weather, long walks, and a wondrous sense of being lost in the New England wild. Did Chiarion intend foe me to think up these images? Of course not… but like all great jazz masters before him, he amplifies his creativity, giving us all a sense of his inner artistic world for our ears to dip in and explore.

Check out Riccardo Chiarion’s video where he expands upon the third track on this album, “Hidden Blues.”

The entire album is a worth more than a single listen and this is without a doubt the best jazz album I have heard so far this year. Can’t wait to see what he cooks up next!

(Harrison Giza)


READ THE REVIEW ON PUNCHLAND


Nessun commento

Copyright Riccardo Chiarion. Powered by Blogger.